Venezia è l'unica città dove neanche l'acqua alta può fermare una maratona. Avere piedi e gambe a mollo può non essere piacevole, eppure per molti è stata una sfida nuova ma entusiasmante. A prescindere dalla marea, Venezia è sempre magica e di grande cuore. 

La raccolta fondi legata alla corsa ha superato i 70 mila euro, guidata dagli amici del Rotary Distretto 2060 che da anni portano avanti la loro battaglia per cancellare la Poliomielite dal mondo. Sul podio possono vantare il loro risultato anche i sostenitori di Airc per la lotta al cancro e di Fondazione Banca degli Occhi.

Un applauso va di sicuro ai grandissimi runner solidali che si sono dati da fare per arrivare in fondo a una corsa per niente facile, ma soprattutto per portare a casa un risultato di tutto rispetto per le organizzazioni non profit a cui sono legati. Si conferma al secondo posto Riccardo Trulla, per tutti Trullino, ormai noto agli amici di Rete del Dono per la sua creatività e la sua passione, che anche quest'anno supera i 1700 euro. Si ferma ad un ottimo terzo posto Andrea Carli per il Rotary Club di Maniago, mentre stacca tutti e vince l' “ideale” medaglia d'oro Erica Barina del Rotary Club di Conegliano Vittorio Veneto, che ha continuato a raccogliere anche dopo la gara e ha superato i 4000 euro.

Bravissimi anche i gruppi, che si sono divisi il compito di correre, ma hanno moltiplicato i loro sforzi per spingere amici e conoscenti a sostenerli economicamente. Ed è un podio veramente vario, con gli amici di Giando sul gradino più basso per Fondazione Salus Pueri, in mezzo il Rotary Club di Abano e in cima i supercreativi de La Folgorante per Fondazione Amici degli Occhi.

“Un grande grazie di cuore a tutti, dai volontari alla Protezione Civile alle forze dell'ordine. Ogni runner è arrivato al traguardo. Sono caduti gli alberi ma hanno tenuto le nostre strutture” conferma Lorenzo Cortesi, segretario generale di Venicemarathon “tantissimi arrivavano senza scarpe, ma ci hanno fatto i complimenti per l'organizzazione. Certo vivere Venezia così vuol dire vivere davvero Venezia, l'unica città dove una situazione del genere è sostenibile e l'abbiamo dimostrato”.

Corri solidale anche tu per raccogliere fondi per la tua causa solidale. Clicca qui