Solo il 37% delle aziende ha un programma di coinvolgimento dipendenti, ma ben l'85% dei dipendenti lo accoglie con entusiasmo e partecipa quando la società ne offre la possibilità. Questo dimostra che i dipendenti sono interessati, basta dare loro una opportunità per attivarsi.

La Corporate Social Responsability trova nell'attività fisica il partner ideale. Oggi al Milano Running Festival ne abbiamo parlato con Generali, Cesvi e Milano Marathon al convegno "Sport & Team Building, un connubio vincente a servizio della Csr in azienda".

I numeri ci danno ragione, come ricorda Valeria Vitali, fondatrice di Rete del Dono. "Quest'anno le imprese hanno già raccolto 300mila euro per progetti sociali, circa un terzo di tutto il Charity Program di Milano Marathon. Quando abbiamo iniziato, in molti ci prendevano per folli quando presentavamo i nostri progetti. Ma laddove abbiamo trovato persone disposte a crederci, sono nate iniziative di grande successo per le Non Profit e per le aziende". La corsa, unita a uno scopo solidale e a un forte spirito di squadra, diventa una ottima occasione di team bulding

Lo sport si sposa bene con le tematiche del mondo del lavoro. "Competizione, fatica, momenti di crisi e premi, ma soprattutto etica. Sono tutti aspetti che chi corre e chi lavora conosce bene. Provare l'esperienza di una maratona aiuta senza dubbio una squadra di colleghi a crescere" racconta Daniele Barbone, presidente di Cesvi e ultrarunner appassionato.

È proprio la sfida contro se stessi un punto importante. "Tutti abbiamo una disabilità, una difficoltà". Daniele Cassioli è pluricampione paralimpico, ma anche coach motivazionale. Con bellissime parole che dimostrano la sua passione, ha esaltato tutte le potenzialità dello sforzo fisico: "lo sport ci aiuta a superare gli ostacoli, anzi ci insegna come fare per superarlo. Lui non ci abbandona, siamo noi che spesso lo abbandoniamo".

Generali, title sponsor della Milano Marathon 2019, ha messo in pratica il programma di Csr con i suoi gruppi di lavoro, portando a correre oltre 50 staffette. "Sono stati i dipendenti stessi a proporre le Non profit da sostenere: Fondazione L'Albero della Vita, Mission Bambini e Cbs. Pensiamo che sia un primo passo per favorire la partecipazione, e  il gran numero di colleghi iscritti alla Relay di quest'anno dimostra che è proprio così"

Ogni anno, le aziende raccolgono circa il 30% del totale della raccolta fondi solidale di Milano Marathon. Accanto ai grandi gruppi internazionali, ci sono realtà molto legate al territorio e studi professionali, tutte spinte dal desiderio di coniugare sport, team building tra i propri dipendenti e solidarietà. Le ricerche confermano che 7 dipendenti su 10 vorrebbero essere coinvolti in attività sociali e 3 su 4 preferiscono un ambiente di lavoro con un impatto sulla società. Lo scopo è lavorare insieme per realizzare un progetto, portarlo a termine. Lo è anche concludere una staffetta, garantire una vacanza o un pullmino ai bambini di una non profit, lo è cooperare in ufficio. La Csr diventa davvero un grande allenamento di team buILDING che coinvolge tutti in modo assolutamente trasversale.